3 metodi per conservare frutta e verdura di stagione

Vi diciamo sempre di consumare frutta e verdura di stagione perché è quella che ha le migliori proprietà benefiche, bisogna dire però che mentre in estate la scelta risulta essere ampia e variegata, nei mesi invernali le scelte sono un po’ più limitate.
Come possiamo portare un po’ di estate – almeno a tavola – nel lungo inverno?
Possiamo provare a conservare la verdura per avere una riserva durante l’inverno.
Vediamo i tre metodi più comuni e semplici.

ESSICCARE LE VERDURE
frutta essiccata

Innanzitutto, essiccare significa togliere l’acqua contenuta nella verdura in modo da evitare la formazione di muffe. L’essiccazione è il metodo più naturale ed ecologico di conservazione degli alimenti in quanto consente di eliminare circa il 90% dell’acqua contenuta negli alimenti. In questo modo si inibisce la creazione e proliferazione di microrganismi che necessitano proprio dell’acqua per sopravvivere.
Questo procedimento può essere fatto con un essiccatore elettrico, ossia un piccolo elettrodomestico, oppure naturalmente con il sole, oppure ancora usando il forno o il microonde.
Ovviamente ogni metodo ha i suoi pro e contro. Utilizzare l’essiccatore elettrico, per esempio, garantisce un’essiccazione omogenea, ma implica la spesa iniziale di acquisto dell’elettrodomestico.
L’essiccazione naturale è la scelta più economica ma occorre più tempo e grande attenzione, bisogna infatti accertarsi che l’acqua contenuta nella verdura sia evaporata completamente.
L’utilizzo di forno e/o microonde, potrebbe essere più semplice considerando che sicuramente si possiede già uno dei suddetti elettrodomestici, però il consumo di energia elettrica è abbastanza ingente e il rischio di bruciare le verdure è piuttosto elevato.

Come si essiccano verdura e frutta?
Si inizia con il lavare e tagliarli a pezzetti gli alimenti, si sceglie quindi il metodo preferito tra l’essicatore elettrico, l’essiccazione naturale e l’utilizzo di forno o microonde. Una volta essiccati, i pezzi di verdura o frutta potranno essere riposti in appositi contenitori di vetro chiusi ermeticamente. Et voilà, le scorte di frutta e verdura sono pronte per l’inverno!

 
CONGELARE LE VERDURE

frutta congelataUn altro procedimento efficace per la conservazione di frutta e verdura consiste nel congelamento. Innanzitutto è bene sapere che alcune verdure vanno congelate crude, mentre altre devono essere sbollentate prima. E’ meglio verificare la corretta procedura per ogni verdura che si intende congelare. Per esempio, se vi state accingendo a congelare broccoli, pomodori, melanzane, zucca, bietole o fagiolini, ricordatevi prima di farli bollire in acqua. Zucchine o peperoni, invece, possono essere congelati anche crudi.

 

Importantissima poi è la scelta del contenitore. Prediligete il vetro che consente la migliore conservazione in quanto non assorbe gli odori, non si macchia e mantiene inalterati gli alimenti.
Ricordatevi però che i tempi di conservazione di verdura frutta congelati sono limitati: non devono infatti superare i 12 mesi.

Come scongelare la frutta e la verdura?
Semplice, in frigorifero o all’aria. Scongelate naturalmente le verdure per mantenere inalterate le loro proprietà. Non tutte le verdure però vanno scongelate prima dell’utilizzo, bisogna considerare infatti il modo in cui verranno cucinate. Se volete preparare un passato di verdure, per esempio, potrete utilizzare i pezzetti ancora congelati direttamente nella pentola.

 

VERDURE SOTT’OLIO

verdure sott'olioUn altro metodo di conservazione molto utilizzato è il sott’olio. In questo caso, dovrete procedere prima con la cottura degli alimenti, dopo di che si potranno riporre in contenitori di vetro precedentemente sterilizzati e si dovranno ricoprire di olio.
Molto importante per questa procedura è la scelta dell’olio. Meglio prediligere olio extravergine di oliva ed evitare quelli fruttati o aromatizzati che alterano il sapore delle verdure.
Tra i contro di questo metodo di conservazione alimentare, bisogna ricordare che non tutte le verdure sono adatte alla conservazione sott’olio, ben si prestano: carciofi, peperoni, pomodori e melanzane. Inoltre, il riutilizzo delle verdure sott’olio è un po’ più limitato rispetto agli altri metodi di conservazione.

 

Siete pronti per farvi le scorte per l’inverno? Fateci sapere se utilizzate qualche utile trucchetto!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *