Alimentazione antitumorale: fai il test e verifica come mangi

Quando si parla di alimentazione antitumorale, non si può non far riferimento alla “dieta mediterranea”, diventata addirittura patrimonio mondiale dell’Unesco nel 2010.

alimentazione antitumorale
Alla base della piramide alimentare di questa dieta ci sono cereali e patate, carboidrati complessi che forniscono all’organismo fibre ed energia e che andrebbero assunti quotidianamente. Salendo si trovano altri alimenti da consumare ogni giorno: frutta in 2/3 porzioni, verdura “in abbondanza”, olio extravergine di oliva, latte e yogurt.

Al centro della piramide ci sono invece gli alimenti per cui si sconsiglia un assunzione quotidiana, ma che possono essere inclusi settimanalmente nella dieta; si tratta di cibi di origine animale come carne bianca, pesce, formaggi magri, e di origine vegetale come legumi (ottima fonte di proteine) e frutta secca. Da assumere in quantità decisamente minore sono le uova.

Al vertice della piramide alimentare ci sono infine i prodotti da evitare o limitare come zucchero, dolci, salse, grassi animali, carne rossa e alcolici.

Rispetto alla dieta mediterranea tradizionale appena descritta, per mantenere un’alimentazione antitumorale noi consigliamo di limitare il consumo di latte e derivati, di patate e di carne anche bianca, e di preferire invece cereali integrali e pasta di grano duro, semi oleaginosi, verdure non amidacee, pesce e ovviamente frutta e verdura a volontà.

Anche la classica dieta mediterranea è comunque un’ottima base di partenza per prevenire molte patologie cardiovascolari e diversi tipi di tumore. Nonostante la sua composizione sia ispirata all’alimentazione tradizionale di greci e italiani, sono in pochi nel nostro Paese ad averla adottata.

Di seguito vi proponiamo un breve test messo a punto dal Centro di ricerca sugli alimenti del Ministero dell’Agricoltura (Crea) per un ato-valutazione delle vostre abitudini alimentari. Cercate di rispondere pensando agli alimenti che avete consumato nell’ultimo mese.

 

1) FRUTTA – 1 porzione di 150g

AL GIORNO PUNTI
Meno di 1 porzione 0
1-2 porzioni 1
Più di 2 porzioni 2

2)VERDURA – 1 porzione di 100g

AL GIORNO PUNTI
Meno di 1 porzione 0
1-2,5 porzioni 1
Più di 2,5 porzioni 2

3)LEGUMI – 1 porzione di 70g

AL GIORNO PUNTI
Meno di 1 porzione 0
1-2 porzioni 1
Più di 2 porzioni 2

4)OLIO D’OLIVA – (consumo regolare=quotidiano ed esclusivo rispetto ad altri grassi)

AL GIORNO PUNTI
Occasionale 0
Frequente 1
Regolare 2

5) LATTE E DERIVATI – 1 porzione di 180g (1 tazza=150ml, 1 yogurt=125g)

AL GIORNO PUNTI
Meno di 1 porzione 2
1-1,5 porzioni 1
Più di 1,5 porzioni 0

6) PESCE – 1 porzione di 100g (esclusi molluschi e crostacei; preferibile il pesce azzurro)

AL GIORNO PUNTI
Meno di 1 porzione 0
1-2,5 porzioni 1
Più di 2,5 porzioni 2

7) CARNE E SALUMI – 1 porzione di 80g (1 fetta di carne circa 100g, 3 fette prosciutto circa 50g)

AL GIORNO PUNTI
Meno di 1 porzione 2
1-1,5 porzioni 1
Più di 1,5 porzioni 0

8) CEREALI – 1 porzione complessiva di 130g

AL GIORNO PUNTI
Meno di 1 porzione 0
1-1,5 porzioni 1
Più di 1,5 porzioni 2

9) ALCOL – 1 unità alcolica, U.A. (1 bicchiere di vino o 1 lattina di birra)

AL GIORNO PUNTI
Nessun consumo 2
Meno di 1 U.A. 1
1-2 U.A. 0

 

Il test è finito. Ecco come calcolare la qualità della vostra alimentazione:
da o a 4 punti: NON ADEGUATA
da 5 a 9 punti: SCARSAMENTE ADEGUATA
da 10 a 15 punti: SUFFICIENTEMENTE ADEGUATA
da 16 a 18 punti: COMPLETAMENTE ADEGUATA

 

Se siete in dubbio su come bilanciare la vostra alimentazione antitumorale, potete consultare il nostro blog con le ricette mensili di Fondazione CMT.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *